Partito Democratico Castelfranco Emilia Piazza della Vittoria, 9, 41013 Castelfranco Emilia
info@pdcastelfranco.it 059 938578

Casa della Salute di Castelfranco: la salute non demagogica

tag-alt Casa della Salute di Castelfranco

Casa della salute di Castelfranco

Casa della Salute di Castelfranco

Quali sono i reali bisogni di salute dei cittadini? Quali le modalità e le tecniche di risposta? E quali le nostre aspettative?

Partiamo dalla fine. Sempre più oggi ci aspettiamo tutto, subito e perfetto, anche in tema sanità. E mentre crediamo sia legittimo aspettarsi il meglio soprattutto se parliamo delle nostra salute o dei nostri cari, crediamo vado aperta una riflessione sulla demagogia che spesso accompagna le nostre richieste.

I medici e i tecnici, forniscono letture accurate dei bisogni di salute fotografando una popolazione sempre più anziana e con problemi non acuti ma di cronicità. Abbiamo cittadini con più problemi di salute, multimorbosità e diverse patologie che devono trovare un equilibrio nel loro trattamento.

Le nostre famiglie sono sempre più “corte” e alla ricerca di servizi modulari e flessibili. Se guardiamo alle famiglie con bambini siamo molto concentrati a proteggere. La vicenda dei vaccini, ormai nella cronaca quotidiana, è emblematica di una iperprotezione fine a se stessa, anche senza fondamento scientifico. Ed una politica dai toni esasperati e contrapposti che non aiuta a fare un passo in avanti.

In questo succinto quadro culturale e sociale dobbiamo costruire risposte adeguate. Servizi adeguati vicini ai cittadini per le cronicità, vicini per creare risposte miste tra servizi sanitari, sociali e assistenziali. Queste sono le opportunità che si stanno creando, e che si devono ancora continuare a costruire, all’interno delle Case della Salute con la collaborazione di professioni mediche, infermieristiche e sociali.

Le case della salute sono un modello di rilancio della sanità. Con paradigmi nuovi, con professioni integrate e con risposte multiple ai nuovi bisogni. Per troppo tempo abbiamo investito troppo su ospedali e meno sui servizi territoriali, lasciando più sole le famiglie con bisogni di cronicità e assistenza.

La scelta di dirottare risorse verso le Case della Salute ha come obbiettivo il superamento di questo gap. La risposta ai nuovi bisogni, senza cedere alle malinconie e investendo sulle specializzazioni. Al fianco di questo percorso tecnico, di diverse professioni e di nuove opportunità in termini di servizi, è necessario costruire un percorso culturale, sano, di fiducia e di confronto continuo tra i cittadini.

Questo per creare e tenere insieme le opportunità vere che già abbiamo e che a volte non vediamo. Per chiedere sempre il meglio, anche dalla nostra sanità in modo sostanziale e non demagogico.

Share Button

Lascia un commento